Marco Baldazzi

Comunicatore dell'anno

Giornalista professionista, prima di entrare in Eni ha lavorato nel mondo dei media per 28 anni. È specializzato in politica estera e informazione digitale, con particolare riguardo agli scenari della comunicazione europea e degli Stati Uniti (dove ha vissuto e lavorato per nove anni). Tra il 2009 e il 2015 è stato Caporedattore centrale e Digital Editor a "La Stampa". Ha fatto parte del team di direzione che ha lavorato alla trasformazione di una testata tradizionale in un’organizzazione digitale integrata, creando tra l’altro un’innovativa redazione multipiattaforma a "cerchi concentrici". È stato uno dei fondatori del network di giornali partner dell’iniziativa "Europa": La Stampa, Le Monde, El País, The Guardian, Gazeta Wyborcza and Suddeutsche Zeitung. 
Prima di lavorare a "La Stampa", è stato corrispondente dagli Stati Uniti per l’Agenzia ANSA tra il 2000 e il 2009, raccontando per i media italiani ogni aspetto della vita del Paese. Tra l’altro, ha seguito la controversa corsa per la Casa Bianca Bush-Gore del 2000, il primo processo internazionale ad Al Qaeda a Manhattan, l’attacco all’America dell’11 settembre 2001, le guerre in Afghanistan e in Iraq, le campagne presidenziali 2004 e 2008. Ha realizzato un ampio reportage multimediale sulla base militare americana e la prigione di Guantanamo Bay (Cuba). Ha vinto il Premio Saint-Vincent di Giornalismo per una serie di servizi sulla pena di morte negli Stati Uniti. Ha raccontato la crisi di Wall Street del 2008 e seguito gli eventi del mondo dell’industria digitale, dell’energia e dell’auto. 
Ha conseguito un Associate of Arts degree in Storia all’American Public University. Il suo libro più recente è "L’ultima notizia" (con Massimo Gaggi, Rizzoli 2010) sulla trasformazione digitale del mondo dei media.

MOTIOVAZIONE

Per 28 anni firma  di grandi testate, esperto di politica estera ed informazione digitale con particolare riguardo agli scenari di quella europea e degli Stati Uniti, dove ha vissuto e lavorato dal 2000 al 2009.Dal 2015 Direttore della Comunicazione Esterna in ENI, dove approda grazie alla esperienza internazionale ed alla conoscenza delle nuove frontiere della comunicazione digitale.Realizza la prima campagna di tutela ed informazione per ENI, in una ormai famosa trasmissione tv, allestendo una contro-narrazione che replica in diretta sui canali digitali con documenti, infografiche e post in un flusso articolato ed esaustivo a cui la rigidità del format televisivo non riesce a rispondere: è nata la controguerriglia web. 

orkestra