Roberto Giovannini

Giornalista La Stampa

 

Giornalista professionista dal dicembre 1992. Cronista parlamentare dal 1995. Insignito del premio “Reporter della Terra” 2017. Presidente della Fima, Federazione Italiana Media Ambientali, la più grande associazione dei giornalisti e comunicatori in ambito ambientale Collaboratore fisso del settimanale Internazionale e del mensile Materia Rinnovabile. Viene ospitato con interviste e commenti da numerosi programmi di informazione radiofonica e televisiva (Uno Mattina–Rai1, SkyTg24, Rainews 24, Radio Nostalgia Network, Radio Rtl 102.5 Network, Radio Popolare Network, Radio Città Futura). Frequenti partecipazioni a conferenze e corsi post-universitari sul giornalismo. Autore di libri e saggi sui temi dell’ambiente, del risparmio e della previdenza complementare, dello sviluppo, dello Stato sociale e del welfare; sui problemi del lavoro, del salario, del sindacato e delle relazioni industriali.

 

Nel 2013 ha progettato, e dirige tuttora, "La Stampa-Tuttogreen, ilmagazine mensile e il canale digitale del quotidiano torinese sui temi della sostenibilità, dell’ambiente e della green economy. Segue come inviato, sotto la direzione di Mario Calabresi e Maurizio Molinari, i principali eventi politici e sociali, come la riforma del mercato del lavoro e dello stato sociale, oltre che i temi ambientali, a partire dalla COP sul clima di Parigi. Editorialista e commentatore per La Stampa.

 

 

MOTIVAZIONE

 

Roberto Giovannini ha sempre seguito con grande entusiasmo i temi legati alla sostenibilità e all’energia. Fortemente impegnato in campo ambientale, la sua quotidiana attività giornalistica si è focalizzata anche sui temi di economia e relazioni industriali, green economy, società e tecnologia. Ha progettato e ideato Tuttogreen, l’inserto mensile della Stampa - che attualmente cura e di cui dirige anche il sito - dedicato al mondo della sostenibilità in cui vengono affrontati diversi temi ambientali, dalla difesa del territorio alla lotta al cambiamento climatico. Un passione che lo ha portato a seguire in qualità di inviato le conferenze sul cambiamento climatico dal 2009 in poi, l'emergenza nucleare in Giappone dopo il terremoto del 2011, i problemi della cooperazione e dello sviluppo in Ghana e Sudafrica, la situazione dei rifugiati ambientali in Bangladesh.

orkestra