Zina Hamu

Giornalismo dei diritti umani

Il Premio Ischia per il “giornalismo dei diritti umani” è stato assegnato a Zina Hamu, ragazza yazida di 18 anni, sfuggita alle persecuzioni all'Isis che partecipa al progetto Unicef per diventare fotoreporter e ha documentato con la sua macchina fotografica la storia e la sorte di una sfollata proveniente da Sinjar, nel Kurdistan iracheno, il genocidio delle ragazze yazide, rapite e uccide dall’Isis, e la cattura dei bambini, addestrati come terroristi. Studentessa di giornalismo, ospite del campo profughi di Khanzem, in Kurdistan, Zina ha partecipato a un progetto fotografico supportato dall’Unicef: i suoi lavori sono stati esposti anche al MAXXI di Roma.

orkestra